Old DX Expedition

107SRØ – Principaute de Monaco

1 to 2 December 1988

Nonostante la grandísima propagazione che già da qualche mese perseguita i migliori DX MAN e non, certamente non posso essere soddisíatto al cento per cento di quello che sono riuscito a fare da quel del PRINCIPATO.
In primo luogo vorrei ringraziare l’amico Georges, il quale mi ha permesso di sostare con la mia stazione mobile sul molo adiacente l’area rlservata al­ia sua barca d’altura, a pochi metri dal famoso ristorante “LA RASCASSE”, (curva Rascasse per gli appassionati di F1) Una pioggia torrenziale ininterrotta mi ha perseguitato per due giorni, l’unico sollievo era quando Georges veniva a trovarmi portandomi del latte caldo, caffè e deliziosi panini che alleviavano le mie “Fatiche".
Durante la prima mattina,

1 Dicembre, avevo annotato a log purtroppo solo una decina di contatti avvenuti fuori un ritmo piuttosto lacero che già temevo il peggio; ma ecco che nel pomeriggio si apre la propagazione con la prevalenza di stazioni degli Stati Uniti, che delusione, mi hanno snobbato completamente.
Alle ore diciannove in punto chiudevo la stazione, con circaa 48 collegamenti, senza voce molto stanco e… con una fame pazzesca.

Il giorno seguente alle 09.00 sto glà in aria, sulla 27.600, dopo circa tre ore di attività annoto sul log circa 40 collegamenti ma per motivi di sicurezza del mio amico Georges, il quale aspettava la visita degli agentl della Capitaneria, alle 12.00, dopo che il fortunato 1SR143 Daniele aveva ricevuto l’ultimo progressivo (avevo gia’ il dito sull’OFF del TX), sono stato costretto a chiudere le trasmisstoni.

Dopo essermi fatto largo tra i curiosi che, nonostante il diluvio, avevano circondato la mia stazione mobile chiedendosi certamente quale fosse lo scopo delle mie urla forsennate per collegare tutti coloro che mi chiamavano, smobilitata la mia “Super Megagalattica" attrezzatura (si lo so la modestia è il mío miglior pregio).

Eccovi dunque le mie condizioni di lavoro: un President Lincoln aiutato dal B 300 della ZG, un dipolo rígido, autocostruito con i radiali di una vecchia GP. una Vega 27 che mal reagisce alil’acqua e, per finire tutta una serie di strumenti per il control!o delle stazlonarie.
Ho concluso questa DX Expedition totalizzando 88 collegamenti con stazioni di 22 Countries
Considerando che fino ad oggi, 5 Gennaio, data di stesura di questa mia relazione, ho ricevuto solo 60 conforme il 60% delle quali dall’Italia, la mia delusione è maggiore considerando lo sforzo economico sostenuto dal carissimo Mimmo 1SR00I nel mettere a disposizione le nueve stupende QSL, le potete vedere in copertina. personalizzate con il QRZ e la cartina del PRINCIPATO di MONACO.

L ’invio della QSL con alcune panoramiche è avvenuto naturalmente da MONACO
Colgo l’occasione per ringraziare tutti coloro che hanno inviato un contributo il quale è a disposizione del gruppo, ringrazio il nostro Presidente che con il suo entusiasmo è riuscito a mettere insieme un gruppo di otlimi operatori, ed ancora una volta ci stupisce con questa bellisslrna sorpresa, il giornalino, che sicuramente farà invidia ad altri già esistenti.
Comunque ragazzi, antenne all’erta ad una eventuale chiamata da CAPO VERDE come “SR".

Auguri a tutti, 73/51
1SR007 TULLIO

Source: Sugar Radio Bullettin – Febbraio 1989

 

Show More

Lascia un commento

Back to top button
Translate »
error: Alert: Content is protected !!
Close