DX NEWSIOTA

J68HZ – Saint Lucia Island, NA-108

23 agosto - 4 ottobre 2019

Bill, K9HZ sarà di nuovo attivo come J68HZ dall’isola di Saint Lucia, IOTA NA – 108, 23 agosto – 4 ottobre 2019.
Opererà su 160 – 2m, CW, AM, SSB, RTTY, FT8, WSJT.

QSL via home call, LOTW, ClubLog OQRS.

Source: DX NEWS

Saint Lucia Island

La storia di Santa Lucia è un ricco arazzo. Per centinaia di anni, l’isola è stata un crogiolo di culture; in molti modi, era una porta per il Nuovo Mondo. Successivamente, l’isola ha un forte senso di eredità e identità culturale che i locali celebrano vigorosamente fino ad oggi. Immergiti nella storia di Santa Lucia, dalla sua colorata storia dei pirati e il suo passato coloniale alle abitudini profondamente radicate della sua gente.

Santa Lucia fu inizialmente conosciuta come “Louanalao" dagli indiani Arawak nel 200 d.C., che significa “Isola delle iguane", e poi “Hewanorra", nell’800 dC quando gli indiani caribi arrivarono e assimilarono la loro cultura in Santa Lucia. I residenti di discendenza caribica possono ancora essere trovati oggi a Santa Lucia.

I Carib vivevano a Santa Lucia fino al 1600, quando i coloni tentarono di prendere il controllo dell’isola per incrementare il commercio europeo. Anche durante questo periodo di colonialismo, i Caraibi continuarono a combattere e interruppero molteplici tentativi da parte inglese e francese di stabilirsi sull’isola.

Juan de Cosa in realtà non colonizzò Santa Lucia. Questo onore ricade su un pirata di nome François Le Clerc, soprannominato Jambe de Bois a causa della sua gamba di legno. Peg-Leg Le Clerc ha usato l’isola dei piccioni per attaccare le navi spagnole nel 1550 e l’isola ora è un punto di riferimento nazionale con siti storici e musei per affascinare coloro che visitano.

https://www.stlucia.org

Show More

Related Articles

Lascia un commento

Back to top button
Translate »