ARRL DXDX NEWS

T32AZ – Kiritimati Island, OC-024

28 febbraio - 5 marzo 2019

Kenneth KH6QJ, sarà di nuovo attivo come T32AZ, da Kiritimati Island, Eastern Kiribati, IOTA OC-024, dal 28 febbraio al 5 marzo 2019. Opererà su 80, 40, 20, 15 e 10 metri, compresa l’attività in ARRL DX SSB Contest.QSL via home call: Kenneth D Taylor, PO BOX 4628, Honolulu, HI 96813, USA.

Source: DX NEWS

Kiritimati

Kiritimati, o Isola di Natale, è un atollo di corallo sollevato nell’Oceano Pacifico nelle isole della linea settentrionale. Fa parte della Repubblica di Kiribati.

Il nome “Kiritimati" rispecchia la parola inglese “Christmas" nella lingua Kiribati, in cui la combinazione ti è pronunciata s, e il nome è quindi pronunciato / kərɪsməs /.

L’isola ha la più grande area terrestre di qualsiasi atollo di corallo nel mondo, circa 388 chilometri quadrati (150 miglia quadrate); la sua laguna ha all’incirca le stesse dimensioni. L’atollo si trova a circa 150 km (93 miglia) nel perimetro, mentre il litorale lagunare si estende per oltre 48 km (30 miglia). Kiritimati comprende oltre il 70% della superficie totale di Kiribati, un paese che comprende 33 atolli e isole del Pacifico.

Si trova a 232 km a nord dell’Equatore, a 2160 km a sud di Honolulu ea 5.360 km da San Francisco. L’isola di Kiritimati è nel fuso orario più avanzato del mondo, UTC + 14, ed è uno dei primi luoghi abitati sulla Terra a sperimentare il nuovo anno (vedi anche Atollo Caroline, Kiribati). Nonostante si trovasse a 2.460 km (1.530 miglia) ad est del meridiano 180, un riallineamento del 1995 dell’International Date Line da parte della Repubblica di Kiribati spostò Kiritimati ad ovest del dateline.

I test nucleari furono condotti su e intorno a Kiritimati dal Regno Unito alla fine degli anni ’50 e dagli Stati Uniti nel 1962. Durante questi test gli isolani non furono evacuati. Successivamente, i militari britannici, della Nuova Zelanda e delle Fiji, così come gli isolani locali, hanno sofferto dell’esposizione alle radiazioni di queste esplosioni.

L’intera isola è un Santuario della fauna selvatica; l’accesso a cinque aree particolarmente sensibili è limitato.

Show More

Related Articles

Lascia un commento

Back to top button
Translate »