DX NEWSScience & Tech

Amplificatore LDMOS  2.5 KW

Raffreddamento a liquido

Amplificatore LDMOS  2.5 KW  con raffreddamento a liquido

Da qualche tempo stavo pensando di realizzare un grosso PA con due Pallet accoppiati utilizzando due finali K80 che alimentati correttamente dorebbero dare agevolmente più di 3kw di output.

Uno dei problemi più grossi, quando si utilizzano dispositivi cosi performanti, è il raffreddamento.

La maggior parte dei costruttori, per limitarne la rumorosità, utilizza dei grossi dissipatori in alluminio, con dei ventilatori forzati (due per ogni Pallet) che, nonostante tutti gli accorgimenti, col salire della temperatura, anche la velocità delle ventole aumenta, aumentando di conseguenza anche il rumore.

Veduta interna

L'idea del sistema raffreddamento, mi è venuta dopo aver provato dei semplici scambiatori in alluminio ben fissati sotto la piastra in rame, utilizzando per la circolazione del liquido, delle semplici pompette per CPU.

Questo ha permesso di avere ottime prestazioni di scambio termico, raffreddando in modo rapido la piastra.

Attenzione al liquido…. utilizzate sempre un'acqua specifica, per evitare la formazione di alghe o batteri che bloccano in poco tempo la pompa. 

Io ho utilizzato dell'acqua distillata con l'aggiunta di una siringa di prodotto antialga.

L'amplificatore utilizza dunque due pallet con LDMOS da 1.8 KW, che andrebbero alimentati a 63v di proposito ho limitato la tensione a 54V. regolando la corrente di Bias a 1A. per dispositivo.

Sistema di raffreddamento a liquido

La commutazione è stata fatta con due relè, uno classico da 15A e uno Sottovuoto, nella foto sotto, (relè antenna) data la potenza in uscita.

Per la strumentazione che vedete nel pannello frontale, foto sotto, ho utilizzato tre strumenti di lettura il primo per leggere potenza, potenza riflessa e SWR. gli altri due per controllare i singoli pallet, potenza effettiva, assorbimento, tensione di picco e tensione effettiva.

Ho anche messo un piccolo termometro digitale all'uscita del radiatore per controllare la temperatura del flusso ARIA.

Pannello frontale con strumentazione

Pannello posteriore

Il trasformatore di servizio che alimenta la strumentazione e il Bias che in ingresso richiede 12V, dev'essere assolutamente filtrato per quest'ultima parte, il Bias vuole una tensione pulita priva di ogni componente, che potrebbe causare anche danni o cattiva qualità in uscita.

Schema alimentazione filtrata

Come PS. ho utilizzato un 'ASCOM da 70 A regolato a 54V e tarato al massimo a 65 A in modo che l'alimentatore dopo i 2,3 KW (anche 2,5 a secondo della banda) comincia ad abbassare la tensione e dunque protegge i Pallet.

Alimentatore Ascom

Le protezioni sono: sull eccesso di ROS

Eccesso di corrente

Eccesso di PWR  con i relativi led di segnalazione.

L'amplificatore al collaudo dà ottimi risultati in particolare sulle banda basse
 
La potenza misurata in 40 m supera i 2,5 KW.
 
 
 

 

Sto ultimando i filtri di banda (LPF) così da lavorare su tutte le frequenze,

In questo momento lo utilizzo con un grosso filtro tagliato a 30 mhz ovviamente solo sui 10/11.

Ringrazio l'amico Franco IZ2HFG  per i preziosi consigli

CORDIALI 73 A TUTTI   

1SR231  IK2YDJ GIUSEPPE

Show More

Lascia un commento

Back to top button
Translate »
error: Alert: Content is protected !!

Adblock Detected

Please disable your ad blocker