SWL - BCL

Radio Guarujá Paulista AM/FM

Rapporto e ricerca di Martín Butera

Guarujá è un comune nello stato brasiliano di San Paolo. Fa parte della regione metropolitana di Baixada Santista. La popolazione è di 311.230 (stima 2015) in un'area di 143.58 km2 (55.44 miglia quadrate).  Il nome di questo luogo deriva dal linguaggio Tupi e significa “percorso stretto". La popolazione è altamente urbanizzata. situato a una latitudine di 23º 59 '18 “a sud e longitudine di 46º 14 '32" a ovest.

Guarujá – By Governo do Estado de São Paulo – CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org

Indice del contenuto

1. Introduzione (breve storia di radio Guarujá).
2. Intervista con Orivaldo Rampazo (Direttore storico della stazione)
3. Intervista con Intervista a Erminio Matos (coordinatore del giornalismo e dell'emittente in generale).
4. Tra le onde corte di Guarujá Paulista
5. Studio e controllo tecnico
6. Studio di registrazione
7. Campo di antenne
8. Conclusioni finali
9. Ringraziamenti
10. recensione sull'autore.

2. Intervista con Orivaldo Rampazzo

Dopo diverse telefonate, e-mail e passando attraverso un filtro importante, sono finalmente riuscito a organizzare un incontro con Orivaldo Rampazo. È stata un'intervista di pochissimi minuti, ma di grande intensità, non è stato difficile per me in così poco tempo raggiungere la sua anima, Don Orivaldo, è un vero appassionato di radio.

Nel 1969, Orivaldo Rampazzo fu invitato ad assumere la direzione di Radio Guarujá e 5 anni dopo sarebbe diventato il proprietario della stazione. Orivaldo Rampazzo è una persona di grande importanza per la storia, non solo di Radio Guarujá, ma anche per la città di Guarujá. Ha partecipato attivamente alla politica, cercando di migliorare e risolvere i problemi degli abitanti dei suoi abitanti e, lo ha fatto senza assumere posizioni.

Foto: Martin Butera presso l'ufficio di Orivaldo Rampazo

MB: Com'è stato il tuo inizio alla radio?

OR: ho iniziato a lavorare da molto giovane, ho lavorato in un negozio di mobili come lucidatore e un giorno per caso, mi hanno mandato a lucidare alcuni mobili da una stazione chiamata Radio AM 1320 di Clube de Tupa.
Hanno iniziato a farmi un discorso e stavo rispondendo, fino a quando qualcuno ha detto, che avevo una voce meravigliosa per fare radio. Poi ho chiesto di cosa avevo bisogno per essere un presentatore e mi hanno detto che dovevo saper leggere molto bene i giornali ed esercitare la mia voce ed è così che mi sono preparato per superare i test e iniziare a lavorare come presentatore, passando attraverso diversi stazioni di San Paolo, come presentatore in diverse aree, informativo, sportivo, commerciale. Fino alla fine degli anni '60 ho fatto la proposta di gestire la radio Guaruja e 5 anni dopo sono diventato il suo direttore ed eccomi qui da allora.

MB: cosa ti piace di più di AM, FM o Shortwave?

OR: Senza dubbio, per me la radio ha un'ampiezza modulata, infatti non vado quasi mai alla radio FM lasciata nella città vicina.

MB: Tuttavia, sei un riferimento per FM?

OR:: in FM eravamo i pionieri, il primo FM della “Baixada Santista" era il nostro, abbiamo iniziato a trasmettere nel 1974, con un piccolo trasmettitore da 80 W e un singolo dipolo, oso persino dire che Siamo stati uno dei primi FM di San Paolo.

MB: E come è nata la tua relazione con la Short Wave?

OR: adoro sempre le onde corte, ho vissuto all'interno di San Paolo e da bambino l'unico modo per essere informato è stato ascoltare le radio a onde corte, sia brasiliane che internazionali.

MB: Ricordi quali radio stavi ascoltando?

OR: ovviamente ho ascoltato molto la BBC di Londra, The Voice of America, ricordo quando sono cresciuto e ho lavorato come giornalista, ho ascoltato la morte di John Fitzgerald Kennedy alla radio a onde corte e ho preso il comando in Lins Rádio Clube, una stazione AM, dall'interno di San Paolo a circa 400 chilometri dalla capitale. Delle radio brasiliane, mi è piaciuto ascoltare la stazione radio Rádio Brasil Central della città di Goiânia, capitale dello stato di Goiás.

MB: Era anche un DXsista?

OR: Se ti sono piaciute davvero le conferme QSL, ne ho molte molto interessanti, ho anche partecipato a diversi DXcamp del DX Clube do Brasil, alcuni molto importanti come Compressed Island del 2003.

MB: E com'è stato avere la tua stazione ad onde corte?

OR: Nel 2003, ho acquisito le concessioni di onde tropicali del Rádio Clube de Marília, una città all'interno di San Paolo e un'altra città all'interno di San Paolo, la Rádio Diffusora del Presidente Prudente, era un sogno diventato realtà, andato in onda per circa 5 o 6 anni, fino a quando per motivi economici e una leggera pressione dalla mia famiglia, che non ha mai pensato che l'onda corta fosse qualcosa di redditizio.
Cerca di spiegare loro che potresti non avere un pubblico enorme o redditizio, ma quelli di noi che amano la radio con una lettera maiuscola sanno cosa significa l'onda corta.
L'onda corta è ancora uno strumento eccezionalmente radio.

MB: La tua radio è un'eredità di famiglia?

OR: Lo definirei con una semplice parola, la radio Guaruja è amore, l'eredità di famiglia, i miei 5 figli, il genero e persino i nipoti continuano.

Foto: Martin Butera e Orivaldo Rampazo

Così questa intervista è terminata, ho ricevuto la parola “amore", Orivaldo Rampazo, un uomo radiofonico che ha saputo costruire il suo sogno, Radio Guaruja AM a 1.550 kHz, un'eredità familiare che sembra non avere fine.

 

3. Intervista con Intervista a Erminio Matos

Con un pensiero moderno e una strategia diretta, Erminio Matos, genero di Orivaldo Rampazzo, ha raggiunto negli ultimi anni, aumentando il pubblico e la pubblicità radiofonica Guaruja AM 1.550 Khz. Compito facile, dato al grande pubblico, delle attuali stazioni a onde medie.

Erminio Matos, si occupa di giornalismo e si coordina con Simona (figlia di Rampazo orivaldo), attuale indirizzo di Radio Guaruja AM 1.550 Khz.

Irrequieto, senza dubbio il funzionario che entrò e uscì dalla stazione in tutti questi anni, lavorò in altre stazioni di Guaruja e alla fine del decennio degli anni 90, si unì a un'importante stazione della grande capitale di San Paolo, insieme a grandi personalità della radio del Brasile come: Paulo Lopes, Kaká Siqueira ed Eli Corrêa tra gli altri.
Dal 2009 è di nuovo alla radio Guaruja.

Foto: Erminio Matos, coordinatore del giornalismo e, dell'emittente in generale.

MB: Cosa ti ho lasciato lavorare con figure radio così importanti a San Paolo, capitale?

EM: Per qualcuno dall'interno del paese è sempre un sogno arrivare a San Paolo, senza dubbio quelle persone sono riuscite a cambiarmi la testa come professionista della radio. Essere sempre molto sincero mi ha fatto capire che dovevo spostare o cambiare alcune cose.

MB: Quali cose hai dovuto cambiare?

EM: Ad esempio, qui nella tendenza al ribasso il ritmo è più lento, ho dovuto cambiare il mio modo di pensare e comunicare, a San Paolo ci sono circa 12 milioni di persone, è come un paese in un altro paese, quindi tutto inizia ad avere più responsabilità, devi essere agile e veloce.

MB: Lo scarichi ora su Radio Guaruja?

EM: Indubbiamente, tutto ciò che ho imparato con queste figure radio mi ha aggiunto molto valore, comunque non mi permetto di vivere in un mondo di fantasie, che è già accaduto e ora sono consapevole del piccolo, grande lavoro che ho fai qui.

MB: Come hai fatto per aumentare il pubblico?

EM: comprendendo che il mondo cambia, il mondo moderno è intrappolato dai social network, oggi le persone non hanno la radio come “il grande mezzo di comunicazione".
Quindi usando queste risorse siamo una radio, ma installiamo un programma per computer di tipo televisivo e usciamo in formato video attraverso tutte le piattaforme e i social network, il percorso della radio è la modernizzazione, il pubblico lo vuole.
Sembra semplice e sciocco, ma pensa che la radio Guaruja sia una classica stazione AM della “baixada santista", con 70 anni di storia, non è facile cambiare rotta.

MB: Come hai fatto per aumentare la pubblicità?

EM: Se valutiamo i 70 anni di esperienza, anche se Internet collega tutti e rende più facile per qualsiasi commerciante montare la propria pubblicità, le persone continuano ad accreditare il supporto di un marchio dietro, in questo caso Radio Guaruja, è riconosciuto .
Comunque non è stato un compito facile, ho dovuto far capire a tutta la radio che il profilo dell'ascoltatore non esiste più, qui lavoriamo per potenziali consumatori, che l'aspetto doveva essere trasformato e finire con il romanticismo dell '"ascoltatore".

MB: Anche la programmazione è molto silenziosa?

EM: Se ora la radio è meno musica e più contenuti, a che serve oggi programmare musica se la musica è su Spotify.
Modernizzare, non è uccidere la radio, al contrario è dare la possibilità che il sogno di Orivaldo continuerà per molti altri anni.
Quando abbiamo capito che la direzione della radio doveva andare dall'altra parte, abbiamo iniziato fortemente a investire in attrezzature più attuali e ad assumere giovani, dai quali possiamo imparare la nuova lingua radio.

MB: Hai quasi 40 anni di esperienza nell'ambiente, quindi perché cambiare se la formula ha sempre funzionato?

EM: è vero che ho iniziato molto presto, vengo da un'era artigianale della radio, la mossa è iniziata forte nel decennio degli anni '90 e non smetto di lasciare la cassetta, per andare al CD e ora siamo in mp3 e trasmissioni in streaming.
Ecco perché era inevitabile cambiare la formula.

Foto: Martin Butera ed Erminio Matos, nel loro ufficio di Radio Guaruja

Erminio Matos, ha saputo interpretare che gli ascoltatori cambiano al ritmo con cui cambia la società. Su Radio Guaruja AM 1,550 Khz, c'è molto futuro con i registi, che capiscono che non ci sono limiti.

4. Tra le onde corte di Guaruja Paulista

Nel 2003, quando Radio Guarujá AM 1.550 Mhz, ha acquisito le concessioni di onde tropicali di Rádio Clube de Marília e Rádio Diffuser di Presidente Prudente. La stazione ha firmato un accordo con DX Clube do Brasil, che ha prodotto il programma Short Waves of Guarujá Paulista tra il 2004 e il 2007.

La presentazione è stata fatta dai colleghi DXCB Sarmento Campos, Célio Romais, Renato Uliana e Adalberto Azevedo (già deceduto), con la partecipazione del team DX Clube do Brasil. Nel 2007, Radio Guarujá Paulista ha aderito, per un breve periodo, al Sistema Radio Globo e il programma ha cessato di esistere.

5. Studio e controllo tecnico

Foto: Shift operator e Martin Butera – Radio Guaruja AM 1.550 kHz

La radio ha uno studio e un controllo tecnico insieme nel classico modo americano, sebbene il presentatore sia assistito da un operatore tecnico. Senza nominare i marchi, possiamo visualizzare i seguenti elementi.

Studio
Lo studio è molto ampio, qualcosa di fondamentale per poter lavorare comodamente, ha un tavolo appositamente progettato, dotato di 5 microfoni a condensatore e ottime sedie, per lavorare comodamente e rilassato, mantenendo una buona postura del corpo.
Le pareti e la porta dello studio sono totalmente isolate dai rumori esterni, con pannelli acustici.

 

Controllo
Il controllo è molto completo e professionale, con tutti gli elementi necessari per eseguire programmi, come: computer con software di automazione radiale, console audio, diversi processori audio, monitor, televisori con diversi canali di informazione.

Video, vista del controllo tecnico.
Foto: Martin Butera, seduto nello studio principale di Radio Guaruja
Foto: Martin Butera, accanto al rack audio di Radio Guaruja

6. Studio di registrazione

Foto: operatore di registrazione che lavora nello studio di registrazione

Radio Guaruja ha uno studio di registrazione, qualcosa di ideale per la registrazione, l'editing e il missaggio di diverse notizie, pubblicità e interviste senza la necessità di occupare lo studio principale.

Siamo in grado di dettagliare rapidamente gli elementi che compongono lo studio di registrazione, senza nominare marchi, possiamo vedere: un buon computer, un eccellente DAW (workstation audio digitale), un programma utilizzato per registrare e modificare, un'ottima interfaccia audio, console di missaggio,

due microfoni da studio di alta qualità, cuffie, monitor da studio.

  Foto: console di missaggio e altri elementi dello studio di registrazione

7. Campo di antenne

L'antenna è un classico monopolo ripiegato alto oltre 60 metri che consente alla stazione di avere un'ottima copertura.


Il giorno della visita non abbiamo potuto entrare nella stanza del trasmettitore.

Qui possiamo vedere una breve video del campo dell'antenna.

8. Conclusioni finali

Non posso finire questo rapporto senza congratularmi con la famiglia Rampazzo. Gli studi Guarujá AM 1.550 Khz Radio non devono nulla alle principali stazioni radio di San Paolo, capitale e persino a quelle internazionali.

Molti sostengono che le Modular Amplitude Radios (AM) stiano diventando così estinte e questo è vero, forse perché si sono esaurite nel loro vecchio stile.

Erminio Matos, ha saputo tenere il passo, portare notizie alla radio, facendo sì che questo retaggio familiare abbia un futuro eccellente a venire.

9. Ringraziamenti

A tutta la famiglia Rampazo.
 
Turismo, Prefeitura municipale di Guarujá – San Paolo – Brasile.
 

A mia moglie Ligia Katze (per le fotografie)

Al mio amico Mark Van Marx (Marcos Melzi), per il fotoritocco in questo articolo.

Al mio amico Domenico Brocato, per aver pubblicato questo articolo nell'esclusiva versione italiana del sito https://www.sperimentalradio.it/

Al mio amico Ivan Dias da Silva Júnior, direttore del DX regionale – Sorocaba-San Paolo-Brasile, che collabora alle traduzioni portoghesi e pubblica questo materiale sotto forma di un micro-libro, attraverso la crew 15.61 Radio Listeners.

10. recensione sulll'autore

Martin Butera

Operatore radiofonico dal 1992. Martin ha partecipato a DXpeditions in tutto il Sud America, con il nominativo radio argentino LU9EFO e il nominativo brasiliano PT2ZDX.

Membro del gruppo Sperimental Radio, in Sud America, collabora con il sito web https://www.sperimentalradio.it/

Corrispondente giornalista del Sud America per la rivista del British DX Club, Communication.

Fondatore di CREW chiamato 15 punto 61 (15.61), são paulo – Brasile.

Giornalista, documentarista e socio fondatore di Radio Atomika 106.1 MHz (Buenos Aires, Argentina) www.radioatomika.com.ar

Attualmente vive a Brasilia, capitale del Brasile.
e-mail: martin_butera@yahoo.com.ar

La visita a radio Guarujà è stata effettuata a metà ottobre dell’anno 2019, il rapporto è stato completato per iscritto all’inizio di novembre questo stesso anno.

Show More

Lascia un commento

Back to top button
Translate »
error: Alert: Content is protected !!
Close