SWL

Visita a Radio Nacional da Amazônia

Di Martin Butera

Visita a Radio Nacional da Amazônia

Radio Nacional da Amazônia, il più grande complesso di trasmettitori medi e trasmettitori a onde corte in America Latina e la quinta stazione di trasmissione più potente al mondo.

Foto: Martín Butera

Rapporto e ricerca di: Martín Butera
Fotografie e video (in studio) di: Ligia Katze
Fotografie e video (campo dell’antenna) di: Mark Van Marx
Adattamento e correzione inglese di: Sudipto Ghose (VU2UT)

Indice dei soggetti e sommario

1. Introduzione (breve storia del Rádio Nacional da Amazônia).

2. Che cos’è il Rádio Nacional da Amazônia? (Intervista con i produttori del programma della National Radio da Amazônia, Luciana Couto, Taiana Borges e Solimar Luz) – Foto e video.

3. Intervista con la conduttrice Beth Begonha
4. Visita alla Mixing Room con Luciano Maia
5. Breve introduzione al campo delle antenne
6. Antenne
7. Linee di trasmissione
8. Sala trasmettitore
9. Sala di monitoraggio e controllo del trasmettitore
10. Parte elettrica
11. Pannello di alimentazione del trasmettitore
12. Radio nazionale Brasilia AM 980 Khz
13. Note finali di Martin Butera
14. Ringraziamenti

2. Che cos'è il Rádio Nacional da Amazônia?

2. Che cosa è la Radio Nacional da Amazônia?

Intervista con i produttori di programmi della National Radio da Amazônia, Luciana Couto, Taiana Borges e Solimar Luz) – Foto e video.

Ecco un breve riassunto delle conversazioni con i produttori Luciana Couto, Taiana Borges e Solimar Luz, su ciò che la Radio Nazionale da Amazônia significa per loro (per saperne di più il lettore può andare al link per la video intervista completa, condotta in Lingua portoghese)

I produttori hanno affermato che il modello di programmazione è quasi interamente creato dagli stessi ascoltatori, a causa della stretta relazione mantenuta tra loro e i produttori e gli annunciatori della radio.

I produttori ci hanno impressionato del fatto che, dobbiamo pensare all’immensità dei popoli che abitano l’Amazzonia, che fino

Foto: Luciano G. Maia, responsabile delle relazioni pubbliche della società EBC, Martin Butera e produttori della radio nazionale amazzonica, Luciana Couto, Taiana Borges e Solimar Luz.

ad oggi la radio è usata per lasciare messaggi agli ascoltatori stessi ai loro parenti e amici, poiché in quei luoghi l’unico messaggio che è ricevuta è la trasmissione radio stessa e tale situazione sottolinea l’importanza di mantenere il servizio di onde corte.

Video di Ligia Katze

Sample Text

3. Intervista con la conduttrice Beth Begonha

3. Intervista con la conduttrice Beth Begonha

Foto: Ligia Katze, fotografa, con Martín Butera, intervista Beth Begonha

Presentato dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 10:00, il programma presenta le diverse opinioni sull’educazione e la lotta delle persone legate alla storia e alla cultura dell’Amazzonia.

Gli ascoltatori partecipano al programma tramite feedback tramite lettere che offrono suggerimenti, fanno domande e richiedono canzoni. Vi è anche una partecipazione regolare di giornalisti e intervistati direttamente dalla regione amazzonica.

Beth Begonha ha condotto il programma chiamato “Amazon brasiliano" fin dal 2003. Siamo stati in grado di intervistarla in un’atmosfera rilassata nello studio stesso, durante gli intervalli nelle trasmissioni.

Beth è un’annunciatrice molto richiesta, poiché lei stessa ha fatto numerosi viaggi per visitare le popolazioni indigene in città e comunità, stabilendo un forte legame e un rapporto molto bello con loro.

Foto: Martín Butera, accanto alla consolle principale dello studio

Attraverso i microfoni della Radio Nazionale dell’Amazzonia, Beth Begonha parla con la consapevolezza di una persona che ha vissuto e vissuto la realtà dell’Amazzonia. Il programma discute questioni ambientali ed evidenzia la necessità di valutare l’identità culturale delle comunità indigene e di tutte le persone che vivono sulle rive del grande Rio delle Amazzoni.
Laureata in giornalismo in una città amazzonica, Beth afferma di aver attraversato condizioni avverse e la sua storia serve come motivazione per guidare l’istruzione nell’Amazzonia brasiliana e incoraggiare gli ascoltatori a tornare a scuola. “Ho studiato e completato il mio corso universitario con grande lotta, e credo che anche questo sia un elemento importante in questa impresa, che ha avuto molti risultati meravigliosi".

Beth Begonha mi dice “Tutto quello che so sugli indigeni è ciò che ho imparato da loro. Quando ho iniziato il progetto dell’Amazzonia brasiliana, un programma che presento e produco nel Rádio Nacional da Amazônia, avevo obiettivi molto chiari che dovremmo raggiungere come spazio mediatico: integrare i diversi popoli che vivono nell’Amazzonia, con i loro diversità culturale, argomenti specifici, promozione della conoscenza e crescente interazione tra queste popolazioni, comprese anche le comunità indigene, questo spazio è sempre stato progettato per essere occupato dagli indiani, non per qualcuno che parla per loro. ”

Foto: Martín Butera, con Beth Begonha insieme all’operatore del turno.

Beth Begonha conclude: “Non è stato un compito difficile, devo confessare, per la ricettività di queste comunità, per il loro desiderio e necessità di essere visti e ascoltati. La più grande difficoltà era la mia, perché nonostante lavorassi nella comunicazione per molti anni, anche in Amazzonia, non avevo una vera conoscenza degli indiani. ”

Il programma Beth Begonha esegue lavori senza precedenti, include le popolazioni indigene nella produzione del programma, aprendo uno spazio che valorizza questi brasiliani.
La parte musicale non è dedicata solo alle canzoni popolari e di successo del Brasile, qui gli ascoltatori hanno l’opportunità di ascoltare le canzoni che vengono prodotte direttamente all’interno delle aree centrali di Amazon.

Il programma di Beth Begonha ha creato un ponte di relazioni importanti di altri ascoltatori con le popolazioni indigene, aumentando l’empatia e il rispetto per la loro cultura.

Questo rapporto con la popolazione indigena ha portato Beth Begonha a produrre tra l’altro una trasmissione dall’esterno degli studi, è stato quando ho visitato il Xingu Indigenous Park nel 2007, dove ha coperto la visita dell’allora ministro della giustizia Tarso Genro (avvocato brasiliano, giornalista e politico affiliato al Partito dei Lavoratori, che è attualmente il governatore dello stato del Rio Grande do Sul).

Il programma di Beth Begonha non solo ha avuto l’idea coraggiosa di trasmettere direttamente dalla foresta pluviale amazzonica e da diversi campi indigeni in Brasile, ma ha anche trasmesso da numerosi incontri e conclavi che si occupavano della biodiversità dell’Amazzonia.

Una di queste trasmissioni è stata la trasmissione che ha avuto luogo dal 18 al 22 giugno 2012 durante “Rio + 20”, il più grande evento ambientale dell’ultimo decennio.

Di seguito si può vedere un piccolo frammento di video (lingua portoghese), su questo discorso con la conduttrice della Radio Nazionale dell’Amazzonia “Beth Begonha".
Video di Ligia Katze

4. Visita alla Mixing Room con Luciano Maia

6. Visita alla Mixing Room

Insieme al signor Luciano G. Maia, responsabile delle pubbliche relazioni della società EBC, ho avuto l’opportunità di visitare l’intera struttura moderna. Qui puoi vedere le impressionanti console di missaggio di tutti i segnali radio e persino televisivi.

Foto: Mixer generale dell’azienda EBC
Foto: Martín Butera, con l’operatore di miscelazione EBC
Foto: Martín Butera, accanto ai moderni rack di miscelazione

5. Breve introduzione al campo antenne

5. Breve introduzione al campo antenne

Il Rodeador Park nel distretto federale di Brasilia. È il più grande complesso di trasmettitori di onde medie e ad onde corte in America Latina. Trasmette i segnali della Radio Nazionale AM ​​di Brasilia e della Radio Nazionale dell’Amazzonia per tutto il Brasile.

Il trasmettitore della Radio nazionale AM ​​di Brasilia funziona solo di notte, quando il segnale viene trasmesso in tutto il paese. Durante il giorno, il segnale radio nazionale AM ​​di Brasilia viene trasmesso dal SIA Transmitter Park, coprendo solo il distretto federale e i suoi dintorni. Ciò è dovuto alla difficoltà di trasmettere un segnale a onde medie in tutto il Brasile durante il giorno.

La visita al campo dell’antenna è un’esperienza assolutamente incredibile; la struttura del parco senza ombra di dubbio è colossale.

Da lontano, puoi già vedere le imponenti torri ogni 150 metri di altezza.
Tutto è perfettamente ben mantenuto e un team di persone e professionisti molto dedicati lavora 24 ore su 24 nel campo delle antenne. Questi professionisti sono responsabili della difesa e del mantenimento della qualità del segnale.

Mentre c’è un grande contrasto tra i moderni studi situati nel centro di Brasilia con i trasmettitori e l’antenna in un campo situato a 34 chilometri di distanza, i trasmettitori sembrano più pezzi da museo. Ma a dire il vero devo dire che tutto funziona perfettamente, grazie alla dedizione dei professionisti che mantengono questi trasmettitori su base permanente.

Le antenne che sono un’installazione complessa e complessa, assicurano al governo brasiliano la possibilità di avere una copertura radio nelle aree più remote del paese, nonché la possibilità di raggiungere tutti e cinque i continenti.

Sullo sfondo di cui sopra, durante l’anno 2018, il “Gabinetto dell’istituto Segurança da Presidência da República (GSI)", il “Parque do Rodeador" ha classificato ufficialmente il campo dell’antenna come infrastruttura di supporto vitale durante situazioni critiche, catastrofi naturali ed emergenze, a essere usato come e quando la popolazione brasiliana incontra una situazione di collasso delle comunicazioni.

Installato il 9 marzo 1979, le aree del campo dell’antenna ospitano quattro serie di antenne giganti, una delle quali è alta 142 metri. Le altre tre serie hanno torri più alte, raggiungono 147 metri e sono utilizzate per la trasmissione in onde corte (OC). Oltre all’antenna verticale utilizzata per la trasmissione di onde medie, il parco ha il rinforzo dell’antenna a tendina dipolo per la trasmissione di onde corte.

6. Antenne

6. Antenne

Foto: l’ingegnere Ismar Do Vale Junior ci mostra la mappa

Siamo stati ricevuti da Ismar Do Vale Junior, che è il principale ingegnere delle telecomunicazioni e il responsabile tecnico responsabile del coordinamento della manutenzione, del campo dell’antenna “Parque do Rodeador", ma siamo stati anche ricevuti dall’ingegnere della radio e della televisione Mr. Manoel Caetano dos Santos e infine siamo stati scortati da un prezioso ospite, Orlando Perez Filho “PT2OP", ex direttore esecutivo di LABRE DF (Lega degli amanti brasiliani di Rádio Emissão).
Il campo dell’antenna ha una serie di antenne per l’emissione di onde corte di Rádio Nacional da Amazônia, divise in 4 diverse antenne denominate: C1, C2, C3 e C4.

Foto: un’immagine satellitare del campo dell’antenna.

Le antenne sono adatte per la trasmissione di una potenza massima di 300 kW, tuttavia vengono sempre utilizzate con metà potenza di 150 kW. Attualmente tale potenza è stata ridotta a 75 kW, a causa di un evento avvenuto a marzo 2017, di cui entreremo nel dettaglio quando parleremo della parte elettrica.

C2 e C3

Le installazioni di antenne C2 e C3 hanno le stesse strutture e dimensioni e funzionano a frequenze vicine a 6 MHz. Attualmente, l’antenna C2 viene utilizzata per trasmettere il segnale dalla radio nazionale dell’Amazzonia a 6.185 kHz e l’altra antenna C3 è in standby e non sta trasmettendo.

C1 e C4

Anche la struttura e le dimensioni delle installazioni di antenne C1 e C4 sono identiche. Sono progettati in modo da poter trasmettere su tre frequenze che sono su 9, 11 e 15 MHz. Tuttavia, al momento, è attiva solo l’antenna C4, che trasmette il segnale dalla radio nazionale dell’Amazzonia sulla frequenza di 11.780 MHz.

Foto: vista di diversi angoli di antenne a onde corte

7. Linee di trasmissione

7. Linee di trasmissione

Poiché ciascun sistema di antenne viene alimentato separatamente, ognuno di essi ha una propria linea di trasmissione identica. Nelle fotografie possiamo vedere che sono linee bifilari del tipo a gabbie.

8. Sala trasmettitore

8. Sala trasmettitore

Un enorme corridoio, da un capo all’altro dell’edificio, ospita i trasmettitori a onde corte. Ce ne sono sei in totale, di cui solo due sono attualmente operativi, con una frequenza di 11.780 kHz e 6.180 kHz.

Tutti i trasmettitori sono di Brown Boveri e Cie e di origine svizzera.

L’ingegnere Ismar Do Vale Junior, interrompe la trasmissione per alcuni secondi e apre le porte di questi veri mostri. Grazie a questo taglio nella trasmissione, sono stato in grado di vederli dall’interno, altrimenti sarebbe stato impossibile, a causa dell’alto livello di radiazione RF da loro.

Una volta all’interno dei trasmettitori abbiamo potuto vedere il cuore di queste bestie, le loro potenti valvole e modulatori di potenza che sono raffreddati da un complesso sistema di raffreddamento ad acqua. Si trovano al secondo piano dell’edificio, vicino ai serbatoi di acqua calda di ritorno, che consente loro di avere una vita utile di circa 40.000 Hs.

Video di Mark Van Marx (Marcos Melzi):

9. Sala di monitoraggio e controllo del trasmettitore

9. Sala di monitoraggio e controllo della trasmissione

Foto: Consolle parametri di potenza e SWR (75 Kw)

C’è anche una spettacolare consolle di commutazione che consente di collegare uno dei due trasmettitori a una qualsiasi delle antenne con la semplice pressione di un pulsante. Dietro questa console si possono vedere diverse mappe con i lobi radianti delle antenne e la copertura teorica delle emissioni provenienti da diverse aree del Brasile e del mondo.

Foto: dietro questa consolle si possono vedere diverse mappe

Queste due console che controllano i parametri dei trasmettitori e degli interruttori dell’antenna sono enormi e come si può vedere sono un po ‘vecchie, ma nulla impedisce le loro prestazioni perfette, grazie alla manutenzione tecnica del suo personale dedicato che mantiene correttamente tutte le apparecchiature.
Si può anche vedere un enorme rack con processori audio, modulatori e collegamenti satellitari per i programmi, che arrivano dagli studi situati a Brasilia DF.

10. Parte elettrica

10. Parte elettrica

Foto: generatore elettrico, con la capacità di alimentare l’intera struttura.

L’intero parco di antenne “Parque Rodeador”, ha sempre avuto la propria centrale elettrica, a marzo 2017, un forte fulmine ha causato interruzioni di corrente e una parte della propria stazione elettrica è stata bruciata, che l’ha tenuto fuori dall’aria per lungo tempo (il servizio di onde corte in 25 metri a 11.780 kHz e in 49 metri a 6.180 kHz e onde medie).Questo problema ha portato all’installazione di un grande generatore elettrico che fornisce quotidianamente parte dell’energia alla struttura. Il carburante viene rifornito quotidianamente per mantenerlo operativo.

Foto: Martín Butera, accanto all’attrezzatura della nuovissima sottostazione elettrica.

Mentre scrivevo questo rapporto a luglio 2019, potevo già visitare la nuova sottostazione elettrica che era in costruzione, presso la struttura, per essere equipaggiata con la tecnologia più moderna. L’incidente ha completamente modificato la routine e lo stile di vita di migliaia di persone che vivono in Amazzonia. Anche gli ascoltatori avevano iniziato a sviluppare un piano per raccogliere fondi per aiutare a riparare tutte le apparecchiature danneggiate.

Foto: Orlando Perez Filho “PT2OP”, ex direttore esecutivo di LABRE DF (Lega degli amanti brasiliani della radiodiffusione), ingegnere Ismar Do Vale Junior, ingegnere Manoel Caetano dos Santos e Martin Butera, insieme alla nuova sottostazione elettrica in costruzione.

11. Pannello di alimentazione del trasmettitore

11. Pannello di alimentazione del trasmettitore

Nelle seguenti fotografie scattate da Mark Van Marx, si può vedere la parte di alimentazione dei trasmettitori del Rádio Nacional da Amazônia. C’è anche l’immagine di un grande trasformatore che alimenta tutte le apparecchiature.

Foto: pannello di alimentazione

Prova accensione del neon tramite Radio Frequenza, non fatelo a casa…

Video by Mark Van Marx (Marcos Melzi)

12. Radio nazionale Brasilia AM 980 Khz

12. Rádio Nacional Brasília 980 kHz AM

Also, apart from the Brown Boveri transmitters of 300 kW maximum power, for the medium wave (OM) signal, a modern transmitter from the famous American company Harris Broadcast is now being used, with an average power of 230 kW.

The transmitter of the National Radio AM of Brasilia works only during the night, when the signal is transmitted throughout the country. During the day, the Brasilia AM National Radio signal is transmitted from the SIA Transmitter Park, covering only the Federal District and its surroundings. This is due to the difficulty of transmitting a medium-wave signal throughout Brazil during the day.

The antenna, a monopole for the frequency of 980 KHz, has a height of 120 meters. Unlike the triangular towers that are normally found in this type of radios, it has a square shape and each side measures 1.20 m. This configuration makes the tower a really very robust structure.
Another interesting detail is that at the base of the tower there are 180 pieces of buried copper radials spaced at 360 degrees around the tower which form the ground plane of the antenna.

Foto 1: Martín Butera, di fronte alla targa che commemora la fondazione dell’edificio di trasmissione AM della Radio Nazionale Brasilia su 980 kHz AM.

Foto 2: Martín Butera, in piedi accanto al trasmettitore AM Broadcast del marchio Harris.

Foto 3: Martín Butera, ingegnere Ismar Do Vale Junior, Orlando Perez Filho “PT2OP”, ex direttore esecutivo di LABRE DF (Lega degli amanti brasiliani di Rádio Emissão) e ingegnere Manoel Caetano dos Santos, insieme alla torre alta 120 metri, di National Radio Brasilia su 980 kHz AM.

13. Note finali di Martin Butera

13. Note finali di Martin Butera

Personalmente, è stata una piacevole sorpresa per me trovare un’infrastruttura così imponente in Sud America, insieme agli studi di super tecnologia di altissimo livello, campi di antenne giganti, il tutto gestito da una società responsabile come la EBC, che comprende l’importanza di investimento e professionalità per quanto riguarda la comunicazione pubblica brasiliana.
Credo che la società brasiliana debba continuare i suoi sforzi per scoprire le popolazioni indigene. Il ruolo del Rádio Nacional da Amazônia è molto essenziale in questo compito.

14. Ringraziamenti

14. Ringraziamenti di Martín Butera

Voglio ringraziare tutti coloro che mi hanno supportato e collaborato alla stesura di questo rapporto, al mio team di fotografi e videografi – Ligia Katze (cara moglie) e Mark Van Marx (amico dell’anima).

Anne Evers e Luciano Maia Luciano G. Maia (Coordinamento delle relazioni pubbliche e finanziarie
Comunicazione esecutiva di Comunicação -Diretoria Geral EBC – Empresa Brasil de Comunicação.

Ai produttori della Radio nazionale da Amazzonia, Luciana Couto, Taiana Borges e Solimar Luz.

All’emittente della Radio nazionale dell’Amazzonia, Beth Begonha.

All’ingegnere Ismar Do Vale Junior e all’ingegnere Manoel Caetano dos Santos.

A Orlando Perez Filho “PT2OP”, ex direttore esecutivo di LABRE DF (Lega degli amanti brasiliani di Rádio Emissão), per averci onorato con il suo accompagnamento nel campo dell’antenna.

Al mio caporedattore, caro Chrissy Brand, per avermi dato l’opportunità di lavorare in Sud America, come giornalista per il BDXC. Il marchio Chrissy è il segretario generale del Consiglio europeo DX – Comunicazione BDXC (http://bdxc.org.uk/).

Al caro amico e ascoltatore indiano, Sudipta Ghose (VU2UT) per il suo adattamento all’inglese e alla correzione, membro dell’India Indian club internazionale (http://www.idxci.in).

Al mio amico Ivan Dias da Silva Júnior, direttore del DX regionale – Sorocaba-San Paolo-Brasile, che collabora alle traduzioni portoghesi e pubblica questo materiale sotto forma di un micro-libro, per il club che dirige (https: // ivandias.wordpress.com/).

Al mio amico, l’ascoltatore radiofonico argentino Daniel Camporini, per aver scritto un prologo speciale per questo rapporto (incluso nella versione spagnola).

Finalmente il mio amico Thomas Witherspoon, direttore di SWLing Post, per aver pubblicato questo rapporto e collaborato in questo modo al mondo dell’ascolto radiofonico.

15. Revisione con informazioni dagli autori di questo rapporto

15. Revisione con informazioni dagli autori di questo rapporto

Martin è un operatore radioamatore con oltre 29 anni di esperienza e ha partecipato a DXpeditions in tutto il Sud America, con il nominativo radio argentino LU9EFO e il nominativo brasiliano PT2ZDX.

Martin collabora e scrive per la newsletter del British Dx Club.

Martín è il fondatore del brasiliano CREW Radio Listeners “, chiamato 15 punto 61 (15.61). Martin è argentino, nato nella capitale di Buenos Aires. Attualmente vive a Brasilia DF, capitale del Brasile.

Martín Butera è giornalista, documentarista e socio fondatore di Radio Atomika 106.1 MHz (Buenos Aires, Argentina) www.radioatomika.com.ar

 

Mark Van Marx (Marcos Melzi)m, fotografo. Insegnante di fotografia, fotografo di viaggi e cultura. Fotoreporter indipendente, collaboratore dell’agenzia AFP, Nikon Ambassador, membro di Getty Images Support Media. È un ascoltatore entusiasta di onde corte dal 1997. Operatore radiofonico a banda libera che partecipa a DXpeditions dal 1998. Un radioamatore autorizzato di Argentino LU3DU (classe extra).

Lígia Katze, the journalist educated at the UCB (Universidade Católica de Brasília), a professional photographer at Canon College Brasilia DF, Ligia is the wife of Martín Butera and accompanies her husband on his radio travels around the world.

Visita e rapporto realizzati a Radio Nacional da Amazônia nel mese di marzo 2019 (negli studi radio), giugno 2019 (nel campo dell’antenna), rapporto completato e pubblicato su SWLing Post il 20 ottobre 2019.

Per contattare Martin, scrivere al seguente indirizzo di posta elettronica: martin_butera@yahoo.com.ar


Tradotto e pubblicato su autorizzazione dell’autore:  Martin Butera, in data 02 Novembre 2019

SR-HQ

Show More

Lascia un commento

Back to top button
Translate »
error: Alert: Content is protected !!
Close