SWL - BCL

Radio Voz Missionária

Onde corte in 25, 31 e 49 m - Camboriu, SC - Brasile

Radio Voz Missionária - Camboriu SC - Brasile
Onde Corte in 25, 31 e 49 m

Rapporto e ricerca di: Martín Butera
Fotografie e video di: Ligia Katze

Indice dei contenuti

1. Breve storia di Rádio Voz Missionária
2. Intervista a Luiz Carlos Machado (Conduttore della stazione)
3. Intervista a Hueslen Santos (vicepresidente di Gideões Missionários)
4. Studio e controllo tecnico
5. Collegamenti radio
6. Sito delle antenne e linee di trasmissione
7. Sala trasmettitore
8. Conclusioni finali
9. Ringraziamenti
10. recensioni sull’autore.

Senza dubbio, la radio è uno dei principali veicoli di comunicazione esistenti. Parlare di radio è sinonimo di Luiz Carlos Machado, un appassionato regista radiofonico con oltre 50 anni come professionista nel mezzo.
Luiz Carlos Machado è responsabile di questa grande struttura di comunicazione, che è “La Voz Missionaria”, sin dal suo inizio, per più di 30 anni.

Luiz Carlos Machado, curiosamente, era sempre legato all’onda corta, tra le molte radio in cui ha lavorato, le più importanti per lui erano, la stazione radio ad onde corte chiamata “Rádio Diário da Manhã Ltda”, situata nella vicina città di Florianopolis e poi il passaggio presso una stazione radio eccezionale “Radio Marumby” della città di Curitiba.


Menzionare la radio Marumby significa parlare di una delle stazioni radio evangeliche più rispettate in tutto il Brasile, con i suoi segnali in ampiezza modulata, onde corte e tropicali.
Lavorando alla radio Marumby, incontra il vescovo Cesino Bernardino, che stava facendo i suoi programmi evangelici in quella stazione.
Alcuni anni dopo Luiz Carlos Machado, fu invitato da Cesino Bernardino a dirigere la stazione radio “La Voz Missionaria” nella città di Camboriú, ovviamente non esitò nemmeno per un secondo.

Foto: Martin Butera nell’ufficio di Luiz Carlos Machado (coordinatore della stazione).


MB: Com’è stato prendere la decisione di trasmettere su onde corte e non in ampiezza o nella frequenza modulata, che sarebbe molto più economico?


LCM: quella decisione è stata presa fin dall’inizio, da una visione molto ampia del presidente dei Gideões, Cesino Bernardino, era molto chiaro che la parola di Dio, doveva raggiungere i luoghi più remoti e sapeva che attraverso la AM e la FM, sarebbe limitato. Ha sempre saputo l’alto costo del mantenimento di 3 trasmettitori ad onde corte in questo caso, senza pubblicità, solo con contributi volontari, vedendo oggi l’intera struttura che “La Voz Missionaria” ha costruito, senza dubbio è un miracolo di Dio, manifestato nella fede del nostro presidente.

MB: tecnicamente parlando come sono composti i trasmettitori, il marchio, la potenza?

LCM: la radio trasmette 24 ore con 10 KW e di notte la potenza è ridotta a 5 KW  i tre trasmettitori sono di fabbricazione nazionale quelli di 31 metri e 49 metri, provengono da una fabbrica che si trova nella città di San Paolo, chiamata Prestec e la 25 Mts, proviene da una società nella città di Porto Alegre chiamata BT.

MB: E cosa puoi dirmi delle antenne?

LCM: Le antenne sono qualcosa che dobbiamo migliorare un po ‘, anche se abbiamo molta altezza, perché si trovano in una montagna, le antenne che abbiamo sono dipoli a mezza onda, uno per ogni banda e non sono molto alti razione al piano della torre. Citando che, come ho già detto, abbiamo un’altezza in montagna e siamo puntati verso il mare che siamo molto vicini, sfruttando l’acqua come un rimbalzo.

MB: Com’è il rapporto con altre piattaforme come Internet?

LCM: La radio è fortemente collegata a tutte le piattaforme digitali del momento, sia in streaming audio che video online, attraverso applicazioni e siti Web, aggiornati in ogni momento, ma la nostra priorità è sempre l’onda corta.

MB: Molti Dxsistas che stanno leggendo questo rapporto ora, chiedono del ritardo nelle risposte dei loro rapporti di ricezione, è qualcosa che interessa alla stazione?

LCM: Sì, certo, che siamo interessati a ricevere QSL e molto, mentre stiamo facendo questa intervista, posso mostrarti che oggi ho ricevuto corrispondenza con rapporti di ricezione da paesi molto diversi in Giappone, Canada e Australia. In precedenza abbiamo confermato con un bel certificato tutti i rapporti, ora qualche tempo fa che per una questione di tempo non lo stiamo facendo, ma chiediamo la vostra pazienza che confermeremo tutti i rapporti, potete scrivere a Joaquin Nunes, 244 Centro – Camboriú, SCCEP 88340-371, Brasile.

MB: com’è produrre una programmazione religiosa al 100%?

LCM: È qualcosa che ha molte responsabilità nel toccare il cuore di molte persone con il messaggio di salvezza in Gesù Cristo.
Non è un compito facile, produrre una programmazione contemporanea e professionale, presentare il messaggio di Gesù Cristo, il nostro impegno non è diretto solo tra i credenti, ma anche nella popolazione generale. Vogliamo avere un programma biblico, educativo e culturale che, grazie alla qualità dei suoi programmi, attrezzature e personale, sia sempre più ascoltato.

MB: Vorrei chiederti alcune parole finali

LCM: Devo solo ringraziarti per essere qui, interessato alla “Regina dell’Aria”, come questa stazione è conosciuta. Personalmente sento che questo lavoro radiofonico è diventato divino per me e sono entusiasta di sapere che molte persone hanno accettato Cristo da questa radio, facendo così la differenza nei loro cuori.
Dio ti benedica fratello Martin!

Sono stato molto ben accolto dagli studi della stazione radio in cui il vicepresidente di Gideões Missionários, il predicatore Mr. Hueslen Santos, mi sta aspettando e abbiamo parlato un po ‘dell’attività che svolgono.

Foto: Martin Butera con Hueslen Santos (vicepresidente di Gideões Missionários).

MB: come mi definisce Last Minute Missionary Gideons?

HS: Last Minute Missionary Gideons, noto anche come GMUH con sede a Camboriú, in Brasile, è il più grande congresso missionario protestante pentecostale in Brasile e il suo obiettivo principale è diffondere il vangelo di Cristo in Brasile e nel mondo.

MB: in cosa credono i membri dei missionari dell’ultimo minuto Gideons?

HS: Crediamo che ci sia un solo modo e si chiama “Gesù Cristo”, ma siamo consapevoli che non possiamo raggiungere un posto carente, dove le persone hanno fame e parlano solo del Vangelo, dobbiamo fare molto di più. L’azione sociale si sviluppa con la visione di Gesù, la prima riguardava la restaurazione dell’anima applicando la parola divina, ma poi Gesù stava orientando i discepoli a nutrire il popolo. Quindi quello che facciamo è l’evangelizzazione e l’azione sociale.

MB: So che i progetti sociali sono molti, ma se dovessi elencarne un paio, quali sarebbero?

HS: Tutti i progetti sono entusiasmanti e molto importanti, ne abbiamo distribuiti più di 40 tra il Brasile e il resto del mondo, forse oggi posso menzionarne due che mi rivelano molto.
Una è la nave della Clinica Gideões, un progetto missionario nella grande Amazzonia che è iniziato più di 34 anni fa, inizialmente predicando il Vangelo e poi preparando, inviando e mantenendo i missionari sia nelle città che nelle campagne.
Nell’immensità dell’Amazzonia, dove si trova il bacino fluviale più grande del mondo, la nave detta il ritmo della vita. I missionari usano le barche come principale mezzo di trasporto, poiché il Rio delle Amazzoni collega centinaia di piccole comunità fluviali, piccole città, comuni più grandi e grandi capitali.

Il lavoro di evangelizzazione e azione sociale è una grande sfida in questa regione. Sulle rive dei fiumi amazzonici ci sono persone senza prospettive di vita, che vivono in estrema povertà, isolate in mezzo alle foreste, persone prive di servizi medici e servizi igienico-sanitari, e la maggior parte di loro non ha mai sentito parlare di Gesù Cristo. Per loro, le barche dell’ultimo minuto di Missionary Gideons sono l’unica forma di aiuto e assistenza.
Un altro progetto entusiasmante è quello di Haiti, da quasi 19 anni, il missionario last minute Gideons ha sviluppato attività educative, fornendo istruzione a circa cinquecento bambini.
Attraverso la propria scuola, gli studenti ricevono educazione quotidiana, cibo e sono anche evangelizzati dagli insegnanti sulla parola di Dio.

MB: Vorrei chiederti alcune parole finali per completare questa breve intervista

HS: Innanzitutto, volevo ringraziarti per essere venuto alla nostra stazione per fare il tuo lavoro.
Viviamo in un mondo nella disperazione e l’unico modo per porre fine a quella disperazione è la parola di Gesù che è amore in azione
I nostri missionari non abbasseranno le braccia, portando il Vangelo da nord a sud, da est a ovest, nelle zone più lontane della terra.
The Last Minute Missionary Gideons, sappiamo che è tempo di pregare con il cuore e di lavorare con le mani.

Foto: nave Gideão VI.
Foto: Hueslen Santos (vicepresidente di Gideões Missionários), ad Haiti.

La radio ha uno studio e un controllo tecnico divisi in modo classico, separati da un vetro acustico, facendo contatto visivo con l’operatore.

Studio
Lo studio è molto ampio, qualcosa di fondamentale per poter lavorare comodamente, ha un tavolo appositamente progettato, dotato di 6 microfoni a condensatore della ditta Behringer e ottime sedie, per lavorare comodamente e ben rilassato, mantenendo una buona postura corporea Le pareti e la porta dello studio sono totalmente isolate dai rumori esterni, con pannelli acustici.

Controllo
Il controllo è molto semplice di spazio un po ‘ridotto, ma ben utilizzato che consente di eseguire tutte le diverse attività abituali di una radio, nonché trasmissioni e registrazioni dal vivo (anche se non allo stesso tempo, perché c’è una sola cabina).
Dotato di tutti gli elementi di base, come: computer con software di automazione radiale, console audio, processori audio, microfono talkback (per mantenere la comunicazione tra lo studio e l’operatore attraverso le cuffie, senza lasciare aria di comunicazione), monitor e persino CD compatto lettori di dischi, qualcosa di molto bello da trovare che ancora in una stazione, la radio mantiene una discoteca interessante.

Video, vista del control técnico.

Foto: Controllo Audio

Foto: Martin Butera, nella sala controllo di Radio Voz Missionária

Foto: Martin Butera, accanto alla curiosa discoteca di CD

Il sistema si trova in una torre, molto vicino all’ingresso della stazione.
È una torre di circa 30 metri approssimativa, con un’antenna yagui al centro della torre, il collegamento collega gli studi, alle antenne del “Morro das Anenas” con un classico sistema punto-punto.


Questa torre è condivisa da una stazione FM di comunità, anch’essa del gruppo “Gideões Missionários da Last Hora”, chiamata Rádio Paz no Vale 105.9 FM.
Si può vedere nelle fotografie in cima alla torre, due dipoli del tipo Jampro di detta stazione.

Nelle 2 foto sopra da sinistra: Collegamenti radio “La Voz Missionaria”, nella parte superiore della torre si possono vedere due dipoli di tipo Jampro, appartenenti alla stazione radio comunitaria Rádio Paz no Vale 105.9 FM. A destra: Martin Butera, accanto alla torre di collegamento “La Voz Missionaria”, può vedere l’antenna Yagi del sistema punto-punto

Foto sopra: Angel Lana Arpon, assistente logistico di Martin Butera davanti all’ingresso della vicina stazione radio, “Rádio Paz no Vale 105.9 FM”.

Foto sopra: ingresso della stazione, si può vedere la protezione della torre di collegamento.

Le antenne e i trasmettitori si trovano nella parte superiore del “Morro das Anenas” (coordinate GPS 27º02’24.48 ″ S 48º39’17.27 ″ 0).

Il sito delle antenne “Radio Voz Missionária“, Camboriu Brasile – Drone esclusivo

 

antenne
Il campo delle antenne molto pulite e accurate ha un set di 3 antenne a dipolo per l’emissione di onde preparate per essere in grado di trasmettere ad alta potenza.

 

 

Linee di trasmissione
Poiché ogni antenna è alimentata separatamente, ognuna di esse ha una propria linea di trasmissione, identiche. Nelle fotografie possiamo vedere che sono linee bifilari del tipo a gabbia.

Sono 3 trasmettitori dell’industria nazionale a stato solido brasiliano, preparati per la trasmissione DRM e funzionano a 10.000 watt di potenza, funzionano a 25Mts (11.750 Khz), 31Mts (9.665 Khz) e 49Mts (5.940 Khz).

Foto: Martin Butera e Luiz Carlos Machado, alle porte delle sale trasmittenti.

 

Foto: trasmettitori 31 m e 49 m.

 

Foto: Martin Butera accanto al trasmettitore da 31 m.

 

 

Foto: Martin Butera e Luiz Carlos Machado, nei rack di collegamento e processori audio

Foto: rack di collegamento e processori audio

Scrivere del fatto che le stazioni internazionali a onde corte stanno perdendo rilevanza per gli obiettivi di politica estera di molti governi non sarebbe una novità.

Sappiamo tutti che il mantenimento di stazioni ad onde corte ad alta potenza è molto costoso e molti paesi lo sanno, quindi stanno implementando programmi di austerità e riducendo i loro budget.

Quindi la stragrande maggioranza delle emittenti internazionali finiscono per rinunciare all’aria e riciclare su Internet, mentre solo poche mantengono l’aria anche se in modo piuttosto “testimoniale”.

Quindi sorge la domanda: perché l’onda corta è attualmente per lo più occupata dalle stazioni religiose?

La risposta, penso di essere più che una risposta in questo rapporto, l’onda corta mantiene ancora un posto importante, per le stazioni religiose, perché sanno che nella stragrande maggioranza dei luoghi in cui vogliono raggiungere con il loro messaggio e le loro azioni religiose, Internet Non è disponibile per la maggior parte dei cittadini e anche se alcuni di loro hanno accesso, è molto limitato.

Le stazioni ad onda corta non avranno un folto pubblico redditizio, ma è praticamente l’unico canale di contatto, che con il loro messaggio.raggiungono diverse popolazioni
Queste stazioni hanno ancora gli ascoltatori più fedeli dello spettro e, questo è un valore, che fa la distinzione delle stazioni religiose.

Show More

Lascia un commento

Back to top button
Translate »
error: Alert: Content is protected !!
Close