SWL - BCL

Daltro D’Arisbo Radio Museum, Porto Alegre – Brazil

Di Martín Butera

1. Introduzione

Alla ricerca di storie radiofoniche, questa volta il viaggio mi porta nel sud del Brasile, più precisamente nella città di Porto Alegre, capitale dello stato del Rio Grande do Sul. Sono a più di 2.000 chilometri da casa.

Immagine: mappa dei viaggi di Martin Butera, da Brasilia DF, capitale del Brasile a Porto Alegre.

Porto Alegre, è una delle città più importanti del Brasile, capitale dello stato del Rio Grande do Sul. Ha una popolazione di 1.420.667 abitanti e circa 4 milioni di abitanti per la sua area metropolitana.
La città si trova nella congiunzione di cinque fiumi, tra cui il fiume Guaíba (che in realtà è un lago), continuazione del fiume Jacuí poco prima della sua foce nella Laguna di Patos (o Laguna di Tapés).

Porto Alegre è un grande centro industriale nel sud del Brasile e si trova in una zona strategica, a causa della sua vicinanza a Buenos Aires (capitale dell’Argentina), Montevideo (capitale dell’Uruguay) e Asunción (capitale del Paraguay).
Gli abitanti di questo stato sono chiamati gauchos, il piatto tipico è il churrasco (arrosto di manzo) e il compagno è l’infuso tradizionale. Molte importanti università brasiliane si trovano a Porto Alegre, ad esempio l’Università Federale del Rio Grande do Sul.

A Porto Alegre ho incontrato l’affascinante Daltro D’Arisbo, qualcuno diverso da un semplice collezionista, Daltro D’Arisbo è un fan della radio che, con la sua dedizione, passione e amore, porta la sua collezione radiofonica in un’altra dimensione.
Sulle loro mensole non ci sono radio semplicemente come oggetti da collezione, dalle loro radio nascono storie dell’inizio del secolo scorso, congelate nel tempo e nel ricordo di un amante delle onde corte.

Indice dei contenuti

1. Introduzione di Martin Butera.
2. L’inizio di tutto, i mitici e affascinanti Hallicrafters S-38
3. Il tour del museo (Prima Parte)
4. Il tour del museo (Seconda Parte)
5. Collezione privata di Daltro D’Arisbo
6. Una radio Daltro D’Arisbo nel museo FIFA di Zurigo, Svizzera.
7. Restauro “fai parlare la radio”
8. Destinazione incerta
9. Impressioni finali
10. Bonus – Redenção Park (Brique da Redenção)
11. Un ringraziamento speciale
12. Rivedi con le informazioni sull’autore

Foto: Radio Hallicrafters S-38, collezione privata di Daltro D’Arisbo.

In un grande dipartimento acquistato esclusivamente per conservare la tua mostra a Menino Deus, un nobile quartiere della città brasiliana di Porto Alegre, situato nella regione centro-meridionale della capitale dello stato del Rio Grande.
Sono più di 200 esclusivamente radio a valvole di diversi decenni e tutte perfettamente funzionanti.


La sua passione per la radio è iniziata da bambino quando suo padre, che era un ufficiale delle comunicazioni dell’esercito brasiliano, indossava pezzi rotti di comunicazioni radio e li riparava a casa sua.

Dopo essere cresciuto, ha raccontato con quella passione, è stato un pomeriggio informale, suo fratello ha visitato la sua casa, ha portato un vecchio Hallicrafters S-38 di fabbricazione americana del 1948 che apparteneva a suo padre ed era stato perso tra le altre cose nel garage .

Fu così che Daltro D’Arisbo, quasi senza alcuna conoscenza tecnica, iniziò la sua riparazione.
In breve tempo il ricevitore che apparteneva a suo padre sarebbe diventato il primo oggetto della sua collezione.
Gli Hallicrafter S-38 erano senza dubbio una delle radio ad onde corte più popolari mai realizzate, gli affascinanti Hallicrafters S-38 introdussero migliaia di persone all’ascolto ad onde corte.
Photo: Radio SEMP brand of Daltro D’Arisbo.

Già all’interno del museo Daltro D’Arisbo spiega le particolarità di ciascuna delle radio.
Didattico ed estremamente appassionato, a volte diventa un insegnante, che tiene in mano un puntatore e ci racconta la storia di ogni radio, rendendolo un vero viaggio nel tempo. Senza dubbio, una vera master class nella storia della comunicazione e della società stessa.

Il museo è diviso in tre ambienti: radio nazionali, radio prodotte al di fuori del Brasile (settore internazionale) e una specie di studio radiofonico vintage con console di missaggio, altoparlanti e microfoni classici della metà del secolo scorso.
Sala radio nazionale:

Foto: Daltro D’Arisbo, presenta una radio parrocchiale con tre valvole, un riferimento nella miniaturizzazione.

Puoi vedere una vasta collezione di radio prodotte da aziende brasiliane al 100%, come quelle del marchio: Cruzeiro Byington & cia, Teleuniao, Invictus, Telespark e quelle del marchio SEMP (Sociedade Eletro Mercantil Paulista), che senza dubbio era una delle i marchi più venduti in Brasile.

Daltro D’Arisbo spiega che il marchio SEMP (Sociedade Electro Mercantil Paulista), fondato nel 1942 da Affonso Hennel a San Paolo, SEMP era una società che ha il merito di aver realizzato la prima radio brasiliana al 100%.
Anche nella sala nazionale possiamo vedere che la collezione contiene radio prodotte in Brasile al 100% da società multinazionali come: Philips, Telefunken, Standard Electric, ecc.

Nella sala radio nazionale brasiliana coesistono altre radio speciali, di cui possiamo goderci nei seguenti video.
Nel tour della sala radiofonica nazionale, Daltro D’Arisbo, ha alcune radio sul tavolo, c’è una radio che è aperta è un telaio di una radio Murphy,

Foto: Daltro D’Arisbo accanto alle schede di registrazione radio del dipartimento postale e telegrafico del Brasile, degli anni ’40

costruita in Inghilterra e serve come esempio per una spiegazione magistrale, su il processo del segnale fino a quando non raggiunge il ricevitore radio. Presenta anche una radio di Galena del tempo della Germania nazista (la Germania nazista o nazionalsocialista sono termini storiografici normalmente usati per riferirsi al periodo della storia tedesca tra il 1933 e il 1945, quando governò il Partito nazionalista socialista tedesco (NSDAP) di Adolf Hitler il paese.)

Foto: telaio radio Murphy di Dalltro D’Arisbo

 

(Video originale in lingua portoghese)

 

Foto: Daltro D’Arisbo e la radio Telefunken Super Undine T875 WKKP

 

Daltro D’Arisbo, è molto emozionato e accende una bellissima radio Telefunken Super Undine T875 WKKP, manifattura tedesca della fine degli anni ’30.
Posiziona un disco analogico in acetato con registrazione meccanica e l’audio è delizioso, puoi ascoltarlo tu stesso nel seguente video.

(Video originale in lingua portoghese)

 Daltro D’Arisbo, ora mostra una vera rarità, una radio SCOTT filarmonica a 30 valvole dell’anno 1937 di fabbricazione americana.
Radio presentata senza armadi, con un bellissimo quadrante e con il suo telaio interamente cromato, questa radio è davvero un mastodonte per dimensioni e peso. Puoi godertelo nel seguente video.

(Video originale in lingua portoghese)

Un o piccolo gioco per fare da antenna umana… Non fatelo se non siete esperti.
Daltro D’Arisbo, ora ci presta una radio tedesca Telefunken 40W dei primi anni ’30

(Video originale in lingua portoghese)

(Video originale in lingua portoghese)

Sala radio prodotta al di fuori del Brasile (settore internazionale):
Daltro D’Arisbo, ci invita a continuare il nostro viaggio nel mondo della radio, entrando nella sala radio internazionale.

(Video originale in lingua portoghese)

Al centro della “galleria internazionale”, spicca la radio più antica della sua collezione, è senza dubbio una delle più speciali.
Questo è un kit per la preparazione della casa prodotto negli Stati Uniti, dai primi anni 1920.
Daltro D’Arisbo spiega che i pezzi della radio venivano forniti in un pacchetto separato e ognuno poteva configurare la propria radio come voleva.

Fotografia: Martín Butera, accanto a un’impeccabile radio ad onde corte per Hallicrafters.

L’Hallicrafters Tw1000 Radio (1952-56 USA) era considerato ai tempi della sua produzione, nei primi anni ’50, come una radio portatile, ora ovviamente considerato “enorme”, molto lontano dall’attuale miniaturizzazione, questi ricevitori funzionavano con batteria o AC/DC. Più leggere e generalmente con una maniglia in alto, furono le prime radio personali: potevano accompagnare il proprietario attraverso la casa, a differenza delle radio da tavolo, praticamente immobili in salotto o in cucina.

Foto: Daisi Guindani (moglie di Daltro D’Arisbo), con Martín e Daltro, una delle pareti della sala radio internazionale.

Foto: Martin e Daltro, accanto a un’enorme radio Midwest DD18 degli anni 1936 di fabbricazione americana.

Terza e ultima sala del museo “uno studio radiofonico vintage”:

Prima di entrare nella stanza Daltro D’Arisbo, accendi un cartello che dice AIR e ci invita a immergerci in un vero studio radiofonico alla fine degli anni ’50.
È vivace e inizia a cantare in un vecchio microfono collegato al tavolo di una delle stazioni più importanti della storia della stazione radio di Porto Alegre, opportunamente restaurato e pienamente operativo.
Questa è la console di missaggio originale del Rádio Guaíba

Rádio Guaíba è una stazione radio brasiliana con sede a Porto Alegre, capitale dello stato del Rio Grande do Sul. Funziona in AM a 720 kHz e FM a 101,3 MHz, questa stazione opera anche a onde corte a frequenze di 6000 kHz e 11785 kHz. I suoi studi si trovano nel centro storico di Porto Alegre, nell’Hudson Building, che ospita anche il Popolo Ufficio postale. I suoi trasmettitori per AM si trovano sull’isola di Pintada, nell’arcipelago del delta di Jacuí, e i suoi trasmettitori FM si trovano a Morro da Polícia.

Benvenuti nella terza sala del museo, lo studio radiofonico!


(Video originale in lingua portoghese)

 

Foto: Ligia Katze (fotografia e video), nella sala radio di Daltro D’Arisbo

Un’altra piccola curiosità, che troviamo sugli scaffali della sala radio, attira rapidamente lo sguardo è un libro radiofonico, prodotto nel modello brasiliano Invictus Super 6 degli anni ’60, Daltro D’Arisbo, il campione molto veloce, è che è uno delle poche radio transistorizzate nella sua collezione e chiarisce che ce l’ha solo, perché è qualcosa di inedito.


(Video originale in lingua portoghese)

 

La connessione tra intervistatore e intervistato è spesso una questione di chimica e fortuna, con Daltro D’Arisbo sono successe entrambe le cose. Dopo il museo finiamo per gustare un un buon vino in compagnia, nella sua casa, è la prima volta che un giornalista ha accesso alla sua collezione privata un vero privilegio.


Nella sua casa c’è la scrivania dove ripristina le radio e c’è anche un’estensione privata della collezione del museo, con più di 20 radio. Non sono necessariamente le radio più importanti a livello di raccolta o economica, sono importanti a livello personale, ad esempio c’è il vecchio ricevitore di suo padre, i classici Hallicrafters S-38, con cui ha iniziato la sua collezione.
La sua casa è anche un mondo a parte, pieno di oggetti, ricordi di famiglia.

Chiedo il permesso di usare il suo bagno e quando accendo l’interruttore della luce e una radio inizia a suonare, inizio a ridere ad alta voce… Daltro D’Arisbo, poi spiega perché ho adattato l’interruttore della luce del bagno: “Mi piace solo iniziare la giornata con la radio”. Egli si definisce un pazzo appassionato di radio e sa che senza passione la vita non ha gusto.

Foto: Daltro D’Arisbo, accanto a Martín Butera, alla scrivania dove ripristina le radio.
Foto: bellissima radio Atwater Kent 55C della fine degli anni 1920, manifattura americana.

Daltro D’Arisbo, presenta alcune delle radio della sua collezione privata.

(Video originale in lingua portoghese)

Daltro D’Arisbo, ci mostra alcune delle radio della sua collezione privata (parte 2)

(Video originale in lingua portoghese)

Foto: Hallicrafters S-38 e Hallicrafters S-53 A.

Terza e ultima sala del museo “uno studio radiofonico vintage”:

Prima di entrare nella stanza Daltro D’Arisbo, accendi un cartello che dice ON AIR e ci invita a immergerci in un vero studio radiofonico alla fine degli anni ’50.

È vivace e inizia a cantare in un vecchio microfono collegato al tavolo di una delle stazioni più importanti della storia della stazione radio di Porto Alegre, opportunamente restaurato e pienamente operativo.

Questa è la console di missaggio originale del Rádio Guaíba

Rádio Guaíba è una stazione radio brasiliana con sede a Porto Alegre, capitale dello stato del Rio Grande do Sul. Funziona in AM a 720 kHz e FM a 101,3 MHz, questa stazione opera anche a onde corte a frequenze di 6000 kHz e 11785 kHz. I suoi studi si trovano nel centro storico di Porto Alegre, nell’Hudson Building, che ospita anche il Popolo Ufficio postale. I suoi trasmettitori per AM si trovano sull’isola di Pintada, nell’arcipelago del delta di Jacuí, e i suoi trasmettitori FM si trovano a Morro da Polícia.

Benvenuti nella terza sala del museo, lo studio radiofonico!

(Video originale in lingua portoghese)

 

Foto: Martin Butera e Daltro D’Arisbo accanto alla console operativa del mitico Rádio Guaíba di Porto Alegre.

Foto: Ligia Katze (fotografia e video), nella sala radio di Daltro D’Arisbo

Un’altra piccola curiosità, che troviamo sugli scaffali della sala radio, attira rapidamente lo sguardo è un libro radiofonico, prodotto nel modello brasiliano Invictus Super 6 degli anni ’60, Daltro D’Arisbo, il campione molto veloce, è che è uno delle poche radio transistorizzate nella sua collezione e chiarisce che ce l’ha solo, perché è qualcosa di inedito.

(Video originale in lingua portoghese)

Daltro D’Arisbo, pensava che fosse uno scherzo, non sembrava possibile …
All’inizio del decennio, un’e-mail identificata come quella della principale entità calcistica del mondo ha quasi cancellato la cartella spam.

Ansorge Moritz, uno sconosciuto che sosteneva di parlare a nome di una società assunta per progettare e attrezzare il futuro Museo FIFA di Zurigo, in Svizzera. Lo straniero disse che la FIFA voleva comprare le radio che avevano trasmesso vecchie coppe del mondo, tra cui la prima in Brasile, dagli anni ’38.

Alla ricerca di informazioni su Internet, trovarono il museo della radio di Porto Alegre e trovarono la radio perfetta, che era nella collezione Daltro D’Arisbo, un modello chiamato “Cruzeiro 100”, prodotto da Biyngton a San Paolo, tra il 1935 e il 1937 .
Daltro D’Arisbo si rifiutò di vendere la radio agli svizzeri.

Al contrario, lo ha donato per esporlo in Europa, a una sola condizione, chiedo un piccolo cartello con la scritta “donazione dal Museo della Radio di Porto Alegre.
Quindi le fotografie del suo archivio personale che chiudono questo aneddoto magico.

Foto: Ansorge Moritz, direttore del Museo FIFA, Zurigo, Svizzera.

Foto: Daltro D’Arisbo, accanto alla sua radio “Cruzeiro 100”, prodotto da Biyngton a San Paolo, tra il 1935 e il 1937, presso il Museo FIFA (International Associated Football Federation), Zurigo, Svizzera.

Foto: del piccolo poster con la scritta “donazione del Museo della Radio di Porto Alegre, Museo FIFA (Federazione internazionale di calcio associata), Zurigo, Svizzera.
Per Daltro D’Arisbo “La radio che non parla non ha anima”. Tuttavia, non tutte le radio che arrivano nella sua collezione arrivano in ottime condizioni. Molte hanno bisogno di riparazioni.

Egli dice che non segue mai corsi di elettronica, ha imparato a occuparsi di leggere manuali e con l’aiuto di amici che comprendono l’argomento, anche se la cosa più importante, è stata quella curiosità e l’amore per la radio e, che lo ha portato ad essere uno dei restauratori di radio vintage, più importante del Brasile.

Daltro D’Arisbo, sa che una collezione dovrebbe essere intesa come una raccolta ordinata di oggetti in perfette condizioni che possono rappresentare al meglio un periodo storico. Quando una radio arriva al suo museo, di solito è vecchia e lungi dall’essere un oggetto chiamato vecchio, da collezione e vale la pena raccontare una storia.

Quindi, il restauro va oltre il semplice “far parlare la radio”. L’obiettivo è quello di far apparire la radio il più possibile alle sue condizioni originali, riflettendo così il momento della sua creazione.

Daltro mi dà una lezione di restauro radio, con molta passione mi spiega che le radio abbandonate da molto tempo soffrono dell’assenza o dell’eccesso di luce solare, umidità e parassiti come topi e soprattutto termiti.

Spiega inoltre che la corrosione è il principale nemico dei componenti in acciaio, come il telaio e i componenti. ”
Tuttavia, mi dice che la più grande azione dannosa è quella umana e spiega che molte radio, una volta aperte all’interno, mostrano le cattive pratiche dei tecnici con poche abilità o senza alcun impegno per l’originalità della radio, incontrando caotiche disposizioni elettroniche.

Ecco perché Daltro D’Arisbo sa che per ripristinare le radio, devi prima iniziare una ricerca esaustiva di materiali e accessori elettrici di qualità, i diversi corpi delle radio (armadi), cercare una vernice di qualità e molti altri aspetti per ottenere la massima perfezione , valorizzando così la storia che potrebbe essere dietro ogni radio.

Nell’esclusivo sito web del museo radiofonico di Porto Alegre, possiamo trovare una ventina dei nostri articoli che mostrano passo dopo passo i restauri di Daltro D’Arisbo, sono articoli molto dettagliati che mostrano la loro dedizione e passione.

Daltro D’Arisbo esprime preoccupazione quando parla del futuro del museo, poiché non riceve fondi pubblici o privati ​​e ha un alto costo di manutenzione.

I costi comprendono, le spese dell’edificio, i servizi generali (elettricità, acqua, telefono) e, soprattutto, la pulizia per non avere polvere, che è il nemico numero uno delle radio .
Tutto ciò richiede tempo ed è anche molto costoso e, sebbene Daltro D’Arisbo lo faccia con molta passione, suggerisce di non sapere per quanto tempo ancora potrà farlo.

Consapevole del fatto che il suo museo potrebbe scomparire, a poco a poco so che si sta preparando, mi dice che sta preparando un catalogo con più di 60 radio per la donazione a istituzioni serie che perpetuano la sua collezione.
Una delle possibili istituzioni scelte potrebbe essere la casa della cultura “Frei Rovílio Costa”.

Rovílio Costa (Veranópolis, 20 agosto 1934 – Porto Alegre, 13 giugno 2009) era un padre cattolico, scrittore, storico, giornalista ed editore brasiliano, considerato uno dei grandi divulgatori della cultura del Rio Grande do Sul.
Daltro D’Arisbo, Mi ha anche detto che i suoi figli hanno un amore simile alle radio, ma vuole che si guadagnino da vivere e non vorrebbe che continuassero il loro lavoro per obbligo.

Mi ha anche detto che molti importanti collezionisti di radio mondiali, sapendo che il museo può scomparire, hanno offerto prezzi molto alti per acquistare la sua collezione, ma fedele al suo stile, mi dice che ha già negato diverse offerte per la sua collezione.

Senza dubbio ogni collezione è unica, irripetibile e insostituibile, per il valore sentimentale che ha per ogni collezionista e per tutta la storia che rappresenta, quella di Daltro D’Arisbo soddisfa tutti questi requisiti.

Il collezionismo è un istinto umano di base e molto antico, tipico, in generale, di persone organizzate, attente e appassionate.
Il collezionista è un’estensione della sua stessa persona, riflette i suoi gusti e la sua personalità, ne proietta una parte sugli oggetti che possiede.

Il collezionista è un esploratore alla ricerca di tesori, sono cacciatori di un’edizione limitata o di un pezzo unico e sono indubbiamente in possesso di conoscenze nascoste per altre persone.
Il collezionista, normalmente, ciò che gli piace di più è il processo di ricerca: trovare il pezzo o l’oggetto fuori dal comune o difficile da ottenere, con le storie dietro di esso.

Daltro D’Arisbo lo sa e per lui la sua collezione, non è altro un semplice hobby; va molto di più, è diventato un modo di vivere.
Daltro D’Arisbo, non può evitare un’espressione di soddisfazione, orgoglio e ammirazione per la sua collezione, le labbra delineeranno un sorriso contenuto nel parlare o sfoggiare la sua collezione, che forse agli occhi di altre persone può passare inosservata, ma non era per me.

Per coloro che vogliono contattare Daltro D’Arisbo, per qualsiasi domanda sulla raccolta radio, è possibile accedere al sito web, cliccando il link che vedete qui sotto:

http://museudoradio.com/contato.htm

Show More

Lascia un commento

Back to top button
Translate »

Adblock Detected

Please disable your ad blocker
error: Alert: Content is protected !!