Science & Tech

Il sole è dieci volte più forte di quanto si credesse…

31 marzo 2019

Il campo magnetico del sole è dieci volte più forte di quanto si credesse, hanno rivelato nuove ricerche dalla Queen’s University di Belfast e dalla Aberystwyth University.

La nuova scoperta è stata fatta dal dott. David Kuridze, ricercatore presso la Aberystwyth University. Il dott. Kuridze ha iniziato la ricerca quando era alla Queen’s University di Belfast e l’ha completato quando si è trasferito alla Aberystwyth University nel 2017. È un’autorità leader nell’uso dei telescopi a terra per studiare la corona del sole, l’anello di luce intensa visibile durante un’eclissi totale.

Lavorando dal Telescopio Solare 1-S svedese all’Osservatorio di Roque de los Muchachos, La Palma nelle Isole Canarie, il Dr. Kuridze ha studiato un bagliore solare particolarmente forte che è esploso vicino alla superficie del sole il 10 settembre 2017.

Una combinazione di condizioni favorevoli e un elemento di fortuna ha permesso al team di determinare la forza del campo magnetico del flare con un’accuratezza senza precedenti. I ricercatori ritengono che i risultati abbiano il potenziale per cambiare la nostra comprensione dei processi che avvengono nell’atmosfera immediata del sole.

Parlando della scoperta, il dott. Kuridze ha detto: “Tutto ciò che accade nell’atmosfera esterna del sole è dominato dal campo magnetico, ma abbiamo pochissime misurazioni della sua forza e delle sue caratteristiche spaziali.

“Questi sono parametri critici, il più importante per la fisica della corona solare: è un po ‘come cercare di capire il clima della Terra senza essere in grado di misurare la sua temperatura in varie posizioni geografiche.

“Questa è la prima volta che siamo stati in grado di misurare con precisione il campo magnetico degli anelli coronali, i mattoni della corona magnetica del sole, che un tale livello di precisione."

Misurando 1.400.000 chilometri attraverso (109 volte più grande della Terra) e 150.000.000 chilometri dalla Terra, la corona del sole si estende per milioni di chilometri sopra la superficie.

I brillamenti solari appaiono come lampi luminosi e si verificano quando l’energia magnetica che si è accumulata nell’atmosfera solare viene improvvisamente rilasciata.

Fino ad ora, la misurazione efficace del campo magnetico è stata ostacolata dalla debolezza del segnale proveniente dall’atmosfera del sole che raggiunge la Terra e dalle informazioni sulla carie relative al campo magnetico e dalle limitazioni nella strumentazione disponibile.

I campi magnetici riportati in questo studio sono simili a quelli di un tipico magnete del frigo e circa 100 volte più deboli del campo magnetico rilevato in uno scanner MRI.

Tuttavia, sono ancora responsabili del confinamento del plasma solare, che forma razzi solari , fino a 20.000 km sopra la superficie del sole.

Durante un periodo di 10 giorni a settembre 2017, il dott. Kuridze ha studiato un’area attiva sulla superficie del sole che la squadra sapeva essere particolarmente volatile.

Tuttavia, il telescopio utilizzato può focalizzare solo l’1% della superficie del sole in un dato momento. Per fortuna, il dott. Kuridze era concentrato esattamente sulla zona giusta e al momento giusto in cui il flare solare era esploso.

Questi brillamenti solari possono portare a tempeste che, se colpiscono la Terra, formano l’aurora boreale – l’Aurora Boreale.

Possono anche interrompere i satelliti di comunicazione e i sistemi GPS, come dimostrato in questa occasione a settembre 2017.

Il professor Michail Mathioudakis della School of Mathematics and Physics, Queen’s University di Belfast, che ha anche lavorato al progetto, ha aggiunto: “Questo è un insieme unico di osservazioni che, per la prima volta, forniscono una mappa dettagliata del campo magnetico nei loop coronali .

“Questo risultato altamente gratificante è stato ottenuto grazie alla dedizione e alla perseveranza dei nostri primi scienziati in carriera che hanno pianificato ed eseguito le osservazioni: la metodologia utilizzata in questo lavoro e il risultato stesso apriranno nuove strade allo studio della corona solare".

Source: phys.org

nemesis maturity
Show More

Lascia un commento

Back to top button
Translate »
error: Alert: Content is protected !!
Close